Il suo nome deriva dal verbo “valere”, che significa “aver forza”, in riferimento alla sua antica fama di possedere virtù in grado di regalare il benessere alle persone.
Stiamo parlando della Valeriana officinalis, una pianta perenne originaria di Europa e Asia, alta fino a un metro, che cresce spontaneamente su terreni umidi ai margini dei boschi e le cui radici contengono effettivamente sostanze capaci di ridurre gli stati di tensione e di favorire il sonno.
La valeriana è utilizzata come erba officinale da migliaia di anni: già nel IV sec. A.C. Ippocrate ne conosceva i benefici, mentre il medico romano Galeno la utilizzava regolarmente come rimedio contro l’insonnia. Nel Medioevo era considerata una cura efficace contro ogni disturbo di origine nervosa, ma solo nel 1860 le sue proprietà vennero studiate e descritte in modo approfondito, per opera del medico tedesco Christoph Wilhelm Hufeland.
Con le attuali conoscenze scientifiche sappiamo che i principi attivi presenti nell’estratto di valeriana interagiscono efficacemente con il nostro Sistema Nervoso Autonomo, regolando lo stato di quiete e la quantità e qualità di sonno.
L’azione dolcemente sedativa dell’estratto di radice di valeriana è ormai ampiamente dimostrata da numerosi studi che, fra l’altro, evidenziano anche l’assenza di effetti collaterali e nessun rischio di assuefazione al suo utilizzo.
Una sostanza dunque preziosa per combattere, sotto forma di integratore, i problemi di ansia e i disturbi del sonno, ma per sfruttare al meglio le sue caratteristiche è necessario poter contare su prodotti efficaci, che garantiscano la migliore biodisponibilità e un assorbimento ottimale a livello gastrointestinale. In particolare, è grazie a una innovativa tecnologia farmaceutica che si riescono a ottenere i migliori risultati: si tratta del metodo Dispert, procedimento brevettato che permette di ricavare una concentrazione di sostanza attiva precisa e perfettamente uniforme. In pratica, i principi presenti nella radice della pianta vengono atomizzati e nebulizzati in microscopiche gocce per ottenere una loro distribuzione capillare e costante nel prodotto finale, che risulta così sicuro ed affidabile.

Partecipa al sondaggio
× chiudi